Home
News
Forum
Rose 19/20
Mercato
Schedilettantina
Comunicati
Utente Anonimo
LOGIN
Registrati
Società
Elenco Società
Comunicati Società
Programma Gare
Tabellini Partite
Comunicati FIGC
Calciomercato
Svincolati
Tabella Promo&Retro
Campionati
Coppe
Marcatori
Fossil Cup
Conad Cup
Archivio Storico
Torneo della Montagna
I CR
Forum
Collabora con noi
I risultati sul tuo sito!
Area Riservata
Visite
Siti Amici
Mondo CR
Schedilettantina
Oscar del Calcio
Speciale Stadi
Fantacalcio
Il Resto del Mondo
Figli di un calcio minore
<< Torna indietro
26/09/2019 - ECCELLENZA, FOLGORE RUBIERA SAN FAO AL LAVORO PER LA COMPLESSA TRASFERTA DI DOMENICA CONTRO LA BAGNOLESE. SASÀ GRECO, MISTER 350 GOL: "L'ATTUALE PRIMATO IN CLASSIFICA? BELLA GRATIFICAZIONE, MA ADESSO NON FA ALCUN EFFETTO"
26/09/2019 - Forte degli inaspettati galloni di capolista dell'Eccellenza, la Folgore Rubiera San Fao si sta preparando a disputare uno tra i confronti più attesi della stagione: si tratta del tradizionale derby contro la Bagnolese, che si giocherà domenica prossima in occasione della quinta giornata. Appuntamento dalle ore 15.30, sul terreno dello stadio "Fratelli Campari" a Bagnolo in Piano: anche stavolta si tratta di una sfida che ha un significato davvero speciale, soprattutto per quel che riguarda Salvatore "Sasà" Greco. Come è noto, lui è tra i grandi ex di turno: l'esperto goleador nativo di Cariati ha infatti vestito la casacca rossoblù per ben tre stagioni, dal 2009 al 2012. Nel suo primo anno alla Bagnolese, Greco ha disputato il campionato di Eccellenza: il successivo biennio lo ha invece visto protagonista nell'ambito della serie D. Per giunta, domenica scorsa il navigato bomber ha festeggiato un traguardo di considerevole prestigio: con il gol siglato contro il Castelvetro, il titolato attaccante classe '80 è arrivato a toccare la quota di ben 350 gol in carriera.

"Si tratta di una cifra gratificante, che senza dubbio ravviva ulteriormente il mio entusiasmo - commenta il diretto interessato - Domenica scorsa dopo la partita abbiamo festeggiato tutti insieme: giocatori, staff tecnico e dirigenti. Inoltre per l'occasione ho pagato da bere, offrendo birra a tutta la squadra. Comunque sia, al di là dei risvolti personali, ciò che più conta è senza dubbio un altro aspetto: il mio 350esimo gol ha coinciso con una vittoria, e credo che ciò costituisca il principale motivo per fare festa. Adesso, l'euforia è già completamente alle spalle: quella di domenica è stata una grande giornata, ma già da lunedì abbiamo spento i riflettori sulle celebrazioni. La nostra mente è concentrata solo ed esclusivamente sul derby che ci attende: ci stiamo preparando con la consueta attenzione e minuziosità, ben consapevoli di dover affrontare un banco di prova molto complesso".

Torniamo per un attimo al successo contro il Castelvetro: vittoria meritata, ma forse un po' troppo sofferta?
"Direi proprio di sì. Osservando il livello del gioco che le due formazioni hanno espresso sul campo di Villa Bagno, credo proprio che la nostra vittoria non faccia davvero una piega: tuttavia, di certo avremmo potuto conquistare i tre punti con meno patemi. Nei primi 65 minuti siamo stati capaci di costruire una consistente mole di gioco e di occasioni da gol: se fossimo riusciti a concretizzare un po' di più, sicuramente l'affermazione della Folgore sarebbe avvenuta con maggiore scioltezza. Intorno alla mezz'ora i modenesi hanno invece trovato il pari su rigore, e da lì in avanti ci è venuto il classico "braccino corto del tennista": senza dubbio, abbiamo avvertito il timore di subire un pareggio che sarebbe stato un'autentica beffa. D'altro canto, c'è da dire che dopo il 2-1 non abbiamo avuto alcun tipo di crollo: siamo comunque riusciti a gestire la situazione con concentrazione e lucidità, impedendo al Castelvetro di creare delle vere e proprie occasioni per cercare il 2-2".

Adesso la Folgore Rubiera San Fao è al comando della graduatoria di Eccellenza: c'era da aspettarselo? E che effetto fa guardare tutti dall'alto in basso?
"A costo di smorzare qualche entusiasmo da parte di chi ci segue, devo ammettere che adesso il 1° posto non fa proprio nessun effetto. Di certo, i 9 punti che abbiamo raccolto finora sono più che meritati: ad eccezione del deludente rovescio casalingo contro l'Arcetana, abbiamo sempre affrontato con efficacia e combattività tutte le avversarie incontrate fin qui. Comunque sia siamo solamente alla quarta giornata, e la classifica si presta ancora a numerosissimi sconvolgimenti: dunque saremmo quantomeno imprudenti se ci mettessimo a ostentare troppo il nostro attuale primato, e lo stesso ragionamento vale anche se domenica dovessimo vincere.
Inoltre, va ricordato che abbiamo uno tra gli organici con la maggiore concentrazione di giovani della categoria: anche se io, Tognetti e Dallari contribuiamo ad alzare notevolmente la media anagrafica, una larghissima parte dei nostri effettivi è counque nata dal 1998 in poi. Finora i giovani si sono comportati benissimo, anche perchè sono tutti elementi di grande valore e di ottime prospettive: tuttavia, a quelle età, il rendimento di ciascun ragazzo può essere meno costante rispetto ai giocatori più adulti. I giovani sono maggiormente soggetti a fluttuazioni e variazioni di efficienza, per motivi legati anche all'approccio caratteriale: tutto ciò rappresenta un motivo ulteriore per guardare al futuro sì con fiducia, ma senza paroloni roboanti".

Dunque, per i sogni di gloria è ancora troppo presto...
"Decisamente sì. Al tempo stesso, l'attuale primo posto ci dà un'opportunità in più per ribadire con forza l'obiettivo primario di questa Folgore Rubiera San Fao: adesso dobbiamo pensare a totalizzare altri 33 punti, in modo da garantirci senza affanni la permanenza nella categoria. Quando avremo raggiunto quota 42, tutto ciò che verrà in più sarà un bellissimo regalo che faremo a noi stessi e a chi ci segue: prima riusciremo a centrare la salvezza, prima avremo la possibilità di riflettere su eventuali altri obiettivi. Intanto è necessario continuare a concentrarsi su una partita per volta, cosa che del resto stiamo facendo fin dall'inizio dell'annata".

Intanto, domenica come vi presenterete al "Fratelli Campari"? Qualche assenza?
"Non saremo al completo. Le assenze nelle nostre file saranno le stesse che hanno caratterizzato pure le ultime domeniche: di conseguenza mister Alessandro Semeraro dovrà nuovamente fare a meno dei lungodegenti Niccolò Vena, Luca Bassoli e Mattia Spezzani. Per il resto, la squadra non soffre di particolari problemi fisici: siamo tutti pronti per cercare di recitare un ruolo di rilievo anche a Bagnolo".

Qual è la ricetta vincente per avere la meglio sui rossoblù?
"La Bagnolese è avversaria che conosciamo molto bene: mister Gallicchio può contare su un gruppo consolidato, che non ha subìto grandi modifiche rispetto alla passata stagione. Loro hanno raccolto soltanto 2 punti nelle ultime 3 gare, ma si tratta di un ruolino di marcia che non deve affatto ingannare: fare risultato al "Campari" è sempre un compito molto arduo, e lo sarà anche in questo campionato per qualsiasi avversaria. Parlando invece delle nostre strategie, credo proprio che di ricette speciali non ne esistano proprio: la chiave di volta che può favorire una nostra affermazione sta nel continuare ad allenarsi e a prepararsi con l'accuratezza e l'impegno che tutti noi riponiamo fin dagli allenamenti pre-raduno. Tutto questo senza dimenticare la necessaria grinta da riporre nel corso dei 90 minuti: la Bagnolese è tra le formazioni meglio attrezzate del campionato, ma questa Folgore non ha alcun motivo per nutrire timori reverenziali".

A livello personale, Greco, quando è fissato l'appuntamento con il quattrocentesimo gol?
"Una domanda a cui preferisco non rispondere: nel calcio è sempre meglio evitare le previsioni a lungo termine, specialmente per un giocatore come me che si sta avvicinando ai 40 anni. Più che al quattrocentesimo gol, preferisco pensare a sconfiggere la Bagnolese: più in generale, il mio primo obiettivo sta nell'aiutare il più possibile la Folgore Rubiera San Fao a compiere un cammino di qualità sotto ogni profilo".

I rossoblù del Torrazzo dovranno fare a meno di Sabri Mhadhbi: il difensore classe 2001 ha ricevuto una giornata di squalifica dal Giudice Sportivo, e dunque l'ex Folgore salterà il derby di domenica.

Le altre partite del 5° turno sono Fiorano-San Michelese, Arcetana-Colorno, Rolo-Virtus Castelfranco, Cittadella Vis San Paolo-Piccardo Traversetolo, Castelvetro-Real Formigine, Agazzanese-Nibbiano Valtidone, Bibbiano San Polo-Felino e Borgo San Donnino-San Felice.
Classifica del campionato di Eccellenza - girone A: Folgore Rubiera San Fao 9 punti; Nibbiano Valtidone e Virtus Castelfranco 8; Rolo, San Michelese e Cittadella Vis San Paolo 7; Fiorano, Felino e Arcetana 6; Agazzanese, Bagnolese, Piccardo Traversetolo, Bibbiano San Polo e San Felice 5; Borgo San Donnino e Real Formigine 4; Colorno 1; Castelvetro 0.

Nella foto: Sasà Greco, esperto bomber della Folgore Rubiera San Fao.
Vai alla pagina ufficiale della Società
Oggi: nessuna partita
Domani: nessuna partita
#edicolaedintorni
AIT HERZELLA ISMAIL
CALCIO
Società
Campionati
Coppe
Torneo della Montagna
Comunicati FIGC
Calendario Partite
Archivio Storico
CALCIO E WEB
Comunicati società
Mercato
Tabella Promo-Retro
News
Forum
Figli di Un calcio Minore
91 minuto
Photogallery
MONDO CR
App
Facebook
Stadi
Oscar di calcioreggiano
Schedilettantina
Fantacalcio
Siti Amici
CALCIOREGGIANO
Utenti
Lavora con Noi
Risultati di CR sul tuo sito
Chi Siamo
Contatti
Mappa del Sito
Privacy Policy