Home
News
Le Interviste di CR
Tabellini
Rose 20/21
Schedilettantina
Comunicati
Utente Anonimo
LOGIN
Registrati
Società
Elenco Società
Comunicati Società
Programma Gare
Tabellini Partite
Comunicati FIGC
Calciomercato
Svincolati
Tabella Promo&Retro
Campionati
Coppe
Marcatori
Fossil Cup
Conad Cup
Archivio Storico
Torneo della Montagna
I CR
Forum
Collabora con noi
I risultati sul tuo sito!
Area Riservata
Visite
Siti Amici
Mondo CR
Schedilettantina
Oscar del Calcio
Speciale Stadi
Fantacalcio
Il Resto del Mondo
Figli di un calcio minore
NEWS - TUTTI I COLORI DEL BRASILERAO
<< Torna indietro
ALTRE NEWS
TUTTI I COLORI DEL BRASILERAO

…il punto sui campionati meno conosciuti ovvero basta che ci siano 22 uomini che calciano una palla…a cura di Daniele Mercati-SETTANTANOVESIMA PUNTATA
Il Resto del mondo - 28/07/2011

BRASILE

(L’analisi non tiene conto della 12’ giornata giocata nella notte tra mercoledì e giovedì)

Dopo la delusione del comportamento della propria Nazionale nella Coppa America tutti i brasiliani che amano il calcio si rituffano nel Brasilerao (che in realtà non si è mai fermato), il campionato che riunisce le migliori squadre del paese il quale segue la disputa dei vari campionati statali. L’obiettivo massimo è riuscire a strappare il titolo alla Fluminense trionfatrice nel 2010 e per fare ciò tutti i maggiori club hanno concluso importanti operazioni sul mercato, la stagione sarà lunga e impegnativa e sul piatto ci sono anche diversi posti per la qualificazione alla prossima Coppa Libertadores. Partendo proprio da quest’ultima il paese verdeoro si è confermato detentore del trofeo (ve ne abbiamo dato un ampio resoconto nella puntata n. 75) grazie al Santos e i bianconeri grazie a questa vittoria si sono già guadagnati l’accesso all’edizione successiva. Accesso guadagnato anche per il Vasco da Gama grazie al trionfo nella Coppa di Brasile; il glorioso club di Rio de Janeiro torna così nella massima competizione sudamericana dopo che negli ultimi anni aveva conosciuto anche l’inferno della retrocessione in Serie B.



Venendo al campionato dunque, diciamo subito che si sono giocate finora 11 giornate e che c’è già una squadra in fuga: si tratta del Corinthians, capace di una partenza a razzo nelle prime 10 partite (9 vittorie e un pareggio) salvo poi conoscere la prima sconfitta proprio nell’ultimo turno contro il Cruzeiro. Il “Timao” non vince il titolo dal 2005 e, a testimonianza di come le cose in Brasile cambino velocemente, in questo breve lasso di tempo ha conosciuto anch’esso la retrocessione nella serie inferiore, l’immediata risalita e già l’anno scorso una stagione da protagonista in lotta per la vittoria fino alla fine. Per la cronaca il Corinthians tra le sue fila ha anche il redivivo Adriano che, lasciata la capitale e i colori giallorossi è tornato in patria per cercare l’ennesimo rilancio ma per ora un nuovo brutto infortunio lo sta tenendo lontano dai campi di gioco. L’acquisto più azzeccato fino a questo momento per il club di San Paolo è stato il bomber Liedson ex Sporting Lisbona, che proprio da qui era partito alla conquista dell’Europa e qui è voluto tornare per lasciare un segno importante.



I due calciatori appena citati si possono collocare in un lungo elenco di giocatori che si sono rivelati al grande pubblico in patria, in seguito hanno cercato fortuna nel vecchio continente e infine hanno fatto ritorno per portare in questo bellissimo campionato tutta la loro esperienza fatta acquisita all’estero. Ne potremmo citare molti altri ma per ragioni di spazio ci limiteremo ai più noti. Come non ricordare Ronaldinho, accasatosi al Flamengo campione 2009 ma che nell’ultima stagione ha finito al 14° posto: in questo primo scorcio l’ex fenomeno di Barcellona e Milan contrappone le sue buone prestazioni in campo (5 reti in 10 presenze) alle chiacchieratissime notti in discoteca che fanno storcere il naso a tutti i suoi tifosi. Il Flamengo risulta finora l’unica squadra imbattuta del torneo, bloccata però troppe volte sul pareggio le hanno fatto accumulare un ritardo di 7 punti. La Fluminense ha l’arduo compito di difendere lo scudetto vinto nel 2010 e affida tra gli altri a Deco e Fred le proprie fortune. Per il “Tricolor carioca” altra curiosità, è l’unico team a non aver ancora pareggiato ma le 5 sconfitte accumulate fanno già apparire un sogno il poter ripetere un’annata come quella scorsa. Chi era partito davvero alla grande era il San Paolo, triplice trionfatore tra il 2006 e il 2008, che vincendo le prime 5 partite subendo un solo gol sembrava poter tornare padrone del campionato; poi invece è arrivata la rotonda sconfitta col Corinthians (5-0) al sesto turno ad inaugurare un periodo nero composto da 3 rovesci di fila che hanno fatto allontanare la vetta di 6 punti. Il “Tricolor paulista” dalla sua ha il fatto di non aver potuto ancora schierare Luis Fabiano, sicuramente il loro più grande acquisto, a causa di un infortunio; “O fabuloso” a parte, va bene la politica di riportare in patria i grandi campioni ma tesserare addirittura un 39enne Rivaldo rientrante dall’Uzbekistan sembra un po’ troppo.



Le nostre considerazioni finali sono queste: non facciamoci ingannare da questa prima fuga, il brasilerao è lungo e complesso, probabilmente le distanze tra i primi posti si assottiglieranno dando modo a chi si è attardato di rientrare in lotta. Soprattutto attenzione, tra le squadre non citate, al Santos, che a causa dei numerosi impegni in Coppa Libertadores ha rinviato diverse partite e quindi staziona ora al 14° posto; inoltre i gioielli Neymar e Ganso impegnati nella Coppa America non sono ancora stati utilizzati, se la società riuscirà a trattenerli almeno fino al Mondiale per club, la loro fame di vittorie non potrà ritenersi saziata solo grazie alla conquista della Coppa Libertadores.



Rubrica nella Rubrica I RE DEL GOL

Con l’impressionante media di 1,16 gol segnati a partita KENNY MILLER si è laureato capocannoniere della Scottish Premier League 2010/11. Caso più unico che raro è riuscito nell’impresa di vincere la speciale classifica riservata ai bomber pur avendo giocato solo metà stagione in Scozia con la maglia dei Rangers Glasgow, salvo poi trasferirsi in Turchia nel Bursaspor dove si è rivelato un po’ meno prolifico pagando anche il periodo di normale ambientazione. Dopo 16 giornate il navigato attaccante aveva già messo in cascina le 21 marcature che gli avrebbero poi garantito di staccare tutti i rivali avendo il più diretto inseguitore a quel punto del campionato ben 9 reti in meno. Rimane così la curiosità di poter vedere quanti gol avrebbe potuto segnare Miller se fosse rimasto per l’intera stagione in patria. Trovare la via della rete per il nostro protagonista a dire il vero non è mai stato un problema, in ogni squadra in cui ha giocato con continuità ha sempre ripagato con l’unica moneta di scambio di cui dispone. Se mai qualche difficoltà Miller l’ha incontrata nei sentimenti dei tifosi, a Glasgow in pochi gli avranno perdonato la sua militanza nelle due più famose formazioni della città e forse anche per questo nel Gennaio scorso aveva deciso la sua dipartita dalla Scozia. E’ però notizia di questi giorni del ritorno del bomber nel Regno Unito, non in Scozia ma in Inghilterra, non in Premier League ma in Championship, dove nella prossima stagione vestirà i panni di uomo di punta dell’attacco del Cardiff City. La società gallese da tre anni a questa parte vede svanire la promozione nella massima serie sul filo di lana e, come se non bastasse, pochi mesi fa ha visto la promozione dei connazionali dello Swansea City, quindi ha come unico obiettivo i primi due posti finali e per raggiungerlo ha rinnovato completamente il pacchetto avanzato: via Bothroyd e Chopra, dentro Earnshaw e, appunto, Miller. Per Kenny dunque siamo all’alba di una nuova sfida, non ci resta che aspettare per vedere come andrà a finire.

News commentabile da utenti registrati - News commentabile da utenti non registrati

wjuventus2
commento del 28/07/2011 alle 15:10 in risposta a
Walter
Bravo Daniele, ottima relazione!!!...sai che è un campionato che seguo con attenzione.


Ieri sera gara fantastica tra Flamengo e Santos 5-4 con tripletta di Ronaldiho e doppietta di Neymar.

Grande Walter, aspettavo il tuo intervento! Sì sì, ho visto i risultati notturni, Ronaldinho così scatta in testa alla classifica marcatori!
RISPONDI

Walter
commento del 28/07/2011 alle 14:49

Bravo Daniele, ottima relazione!!!...sai che è un campionato che seguo con attenzione.


Ieri sera gara fantastica tra Flamengo e Santos 5-4 con tripletta di Ronaldiho e doppietta di Neymar.
RISPONDI
Oggi: nessuna partita
Domani: 26 partite
#edicolaedintorni
FREDIANI RICCARDO
CALCIO
Società
Campionati
Coppe
Torneo della Montagna
Comunicati FIGC
Calendario Partite
Archivio Storico
CALCIO E WEB
Comunicati società
Mercato
Tabella Promo-Retro
News
Forum
Figli di Un calcio Minore
91 minuto
Photogallery
MONDO CR
App
Facebook
Stadi
Oscar di calcioreggiano
Schedilettantina
Fantacalcio
Siti Amici
CALCIOREGGIANO
Utenti
Lavora con Noi
Risultati di CR sul tuo sito
Chi Siamo
Contatti
Mappa del Sito
Privacy Policy