Home
News
Le Interviste di CR
Tabellini
Rose 20/21
Schedilettantina
Comunicati
Utente Anonimo
LOGIN
Registrati
Società
Elenco Società
Comunicati Società
Programma Gare
Tabellini Partite
Comunicati FIGC
Calciomercato
Svincolati
Tabella Promo&Retro
Campionati
Coppe
Marcatori
Fossil Cup
Conad Cup
Archivio Storico
Torneo della Montagna
I CR
Forum
Collabora con noi
I risultati sul tuo sito!
Area Riservata
Visite
Siti Amici
Mondo CR
Schedilettantina
Oscar del Calcio
Speciale Stadi
Fantacalcio
Il Resto del Mondo
Figli di un calcio minore
NEWS - LE INTERVISTE DI CALCIOREGGIANO: FELINO
<< Torna indietro
LE INTERVISTE DI CALCIOREGGIANO: FELINO

Gianluca Maiavacchi, direttore sportivo del Felino, ci racconta il mondo rossoblù
Salta il testo e vai ai commenti
calcioreggiano.comLe interviste di calcioreggiano - 15/05/2020

Continua il nostro approfondimento, in cui andremo a conoscere più a fondo le tante società che hanno deciso di sostenere Calcioreggiano e hanno voluto essere parte del nuovo progetto partito la scorsa estate. Nel corso dei prossimi mesi, attraverso queste interviste, scopriremo aneddoti, curiosità, persone e luoghi che ogni giorno segnano la storia del calcio dilettantistico, dalle categorie più blasonate a quelle che lo sono meno.

Nell’intervista odierna abbiamo parlato con Gianluca Maiavacchi, direttore sportivo del Felino, che milita nel campionato di Eccellenza girone A.

Direttore, partiamo come al solito dall’attualità. Come è stata gestita la situazione? Siete d’accordo con le misure prese?
Sicuramente è stata una situazione non facile da gestire, non lo è stata per il governo, figurarsi per tutti gli altri enti. Forse si poteva fare qualcosina di più, ma non credo tanto. I campionati sono stati tenuti in piedi fino a quando è stato possibile ma poi sono stati sospesi quando si è visto che non c’erano le condizioni per continuare. Siamo ancora in attesa di sapere come finiranno ma ci sarà da aspettare, un po’ il governo e un po’ la federazione da Roma. Penso che sia una decisione che non spetti al CRER, che deciderà di conseguenza.

Fino al momento dello stop del campionato come stavate andando?
La posizione allo stop non era quella che ci aspettavamo a inizio stagione. Non era in linea con gli obiettivi stagionali. Pensavamo di aver allestito una squadra per lottare per la salvezza ma non da essere così invischiati in zona retrocessione. Abbiamo avuto un anno un po’ difficile, perché comunque abbiamo cambiato due allenatori. Da gennaio c’era Ivano Rossi e qualcosina in più stavamo facendo, qualche risultato stava arrivando e anche qualcosa a livello del gioco era cambiato. Comunque, la classifica attuale non soddisfaceva i programmi societari.

C’è stata una squadra o giocatore avversario che vi ha maggiormente impressionato?
Mi ha impressionato, molto più che un singolo, la collettività del Colorno. L’ho visto giocare contro di noi, ma ho avuto anche il piacere di vederlo in altre partite e mi ha colpito come collettivo.

Quali sono i traguardi, sportivi e non, che ricordate più volentieri come società?
Ci piace ricordare la scalata che abbiamo fatto nel suo complesso. Nel 2014 eravamo in seconda categoria e praticamente avevamo solo la prima squadra. Nel 2020 siamo in Eccellenza con quasi 250 bambini tesserati, tutte le annate complete dagli allievi alla scuola calcio. Questo è per noi un grande traguardo.

Come si vive il calcio a Felino?
Siamo una realtà di paese, a differenza di magari altre realtà di Eccellenza che è tanto tempo che sono in queste categorie. Abbiamo tanti volontari del paese e anche la squadra vive il paese con le piccole cose, con il caffè al bar prima della partita o la cena insieme al ristorante il venerdì sera.

Chi sono coloro che lavorano dietro le quinte?
Mi fa piacere menzionare il nostro magazziniere tuttofare Roberto Reverberi (Rebo) e ringraziare tutte le persone che si mettono a disposizione della società con il loro volontariato, come Katia, Mario, Fabio, Max, Piero, Sandro, Valter, Patty, Cristian per la gestione del centro sportivo, della club house e delle squadre. Ringraziamo inoltre tutti gli allenatori, dirigenti e chi si occupa delle varie formazioni, per la disponibilità e la professionalità che hanno dimostrato in questi anni.

Quali iniziative vengono portate avanti dalla società?
Doveva partire il 15 aprile scorso il torneo Città di Felino, sarebbe stata la quattordicesima edizione. Ci sarebbero state 120 squadre iscritte di tutte le categorie, e due weekend con tornei femminili con squadre professionistiche. Purtroppo è saltato tutto, sarebbe iniziato il mese scorso e finito a giugno. Come società è da diversi anni che lo organizziamo ed è un appuntamento molto sentito e atteso nel paese, che richiama tantissime persone. Si giocano dalle dieci alle dodici partite al giorno, su più campi con più categorie (partite a 5, a 7, a 9 e a 11) e purtroppo quest’anno non ci sarà. Inoltre, anche la società ne avrebbe tratto ampio beneficio. Difficilmente verrà recuperato in estate o a settembre, quindi sarà rimandato al 2021 con ogni probabilità.

Prima è stato citato il settore giovanile, che è cresciuto tanto.
Come detto abbiamo dodici squadre, dai 2003 ai 2013, con circa 250 tesserati. Abbiamo diversi responsabili a seconda delle età. Stefano Ugolini è il responsabile della juniores, mentre da gennaio il settore giovanile è in mano a Mauro Villani. Il responsabile della scuola calcio è Cristiano Rangoni. Loro organizzano tutte le attività e siamo anche affiliati al Parma Academy da qualche anno. I nostri responsabili stanno già cercando, per quanto possibile, di organizzare la prossima stagione con allenatori qualificati e con patentini uefa B e uefa C.

Sperando che si possa tornare alla normalità al più presto, quali sono i vostri programmi futuri?
A livello di società ci stiamo strutturando per l’ingresso di figure nuove (entrate a gennaio ma mai ufficializzate a causa dell’improvviso stop) e ci si sta organizzando per le prossime stagioni. Stiamo parlando di Luca Saccardi, Antonio Cavazzini e Mauro Villani. Inoltre, abbiamo un progetto in collaborazione con il comune di Felino per riqualificare il centro sportivo e inserire eventualmente un campo sintetico. I lavori sono avviati ma a causa dell’emergenza coronavirus si è fermato tutto, per ora. A livello sportivo vorremmo mantenere la categoria e continuare con il potenziamento del settore giovanile, perché crediamo che dopo quello che è successo il futuro sia ancora di più in mano ai giovani e allo strutturare al meglio il settore giovanile per portare ragazzi giovani e del posto in prima squadra.

Infine, ritengo doveroso un grande ringraziamento al presidente Dante Bola e alla sua famiglia, e a tutti gli sponsor che ci permettono di fare sport e tenere viva un’attività così importante per tanti bambini e atleti.

Grazie e in bocca al lupo!

News commentabile da utenti registrati - News commentabile da utenti non registrati
Pagina
-
Pagina






Oggi: 13 partite
Domani: nessuna partita
#edicolaedintorni
MATTEO CAMISA (MENTAL COACH)
CALCIO
Società
Campionati
Coppe
Torneo della Montagna
Comunicati FIGC
Calendario Partite
Archivio Storico
CALCIO E WEB
Comunicati società
Mercato
Tabella Promo-Retro
News
Forum
Figli di Un calcio Minore
91 minuto
Photogallery
MONDO CR
App
Facebook
Stadi
Oscar di calcioreggiano
Schedilettantina
Fantacalcio
Siti Amici
CALCIOREGGIANO
Utenti
Lavora con Noi
Risultati di CR sul tuo sito
Chi Siamo
Contatti
Mappa del Sito
Privacy Policy