Home
News
Promo&Retro
CU Società
Mercato
Comunicati
Utente Anonimo
LOGIN
Registrati
Società
Elenco Società
Comunicati Società
Programma Gare
Tabellini Partite
Comunicati FIGC
Calciomercato
Svincolati
Tabella Promo&Retro
Campionati
SERIE D
ECCELLENZA
PROMOZIONE
PRIMA CATEGORIA
SECONDA CATEGORIA
TERZA CATEGORIA
JUNIORES
ALLIEVI
GIOVANISSIMI
Marcatori
Coppe
C. ITALIA ECCELLENZA
C. ITALIA PROMOZIONE
C. EMILIA ROM. I CAT.
C. EMILIA ROM. II CAT.
TORNEO DEI PRESIDENTI
FOSSIL CUP
CONAD CUP
COPPA TRICOLORE UNDER 17 PROV.
COPPA TRICOLORE UNDER 15 PROV.
Fossil Cup
Conad Cup
Cavazzoli Under 20
Cavazzoli Young B.
Torneo Arati
Memorial Zini
Memorial Rognoni
XXII° Trofeo Città di Reggiolo
Amici per la palla
Archivio Storico
Torneo della Montagna
I CR
Forum
Collabora con noi
I risultati sul tuo sito!
Area Riservata
Visite
Siti Amici
Mondo CR
Schedilettantina
Oscar del Calcio
Speciale Stadi
Fantacalcio
Il Resto del Mondo
Figli di un calcio minore
<< Torna indietro
08/07/2024 - MONTECCHIO PIANGE LA SCOMPARSA DI LINO GILIOLI. DOSI: "FIDEG È LA STORIA DEL CALCIO MONTECCHIESE"


08/07/2024 - Con grande tristezza, l’intera comunità di Montecchio - e in particolare l’US Montecchio Calcio - piange la scomparsa di Lino “Fideg” Gilioli, storico membro della comunità della Val d’Enza e fondatore della società sportiva del paese, nel lontano 1963.
Nato nel novembre del 1931 a Montecchio, Gilioli ha fin da subito deciso di intraprendere numerose attività in favore dei giovani del suo paese fondando, nello specifico, l’Unione sportiva Montecchio Calcio, nell’estate del 1963, insieme agli amici Ilario Gabbi e Adile Montanari. Sotto la sua guida la società, partita dal più basso livello calcistico italiano, la Terza categoria, è cresciuta in maniera esponenziale, trasformandosi man mano in un vero e proprio punto di riferimento per tutta la comunità della Val d’Enza.

Durante il corso del tempo, infatti, la società giallorossa ha ampliato in maniera esponenziale non solo gli spazi a propria disposizione, ma anche l’offerta sportiva e il numero di tesserati. Nel 2015, ad esempio, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha conferito al Montecchio Calcio di Gilioli la stella di bronzo al merito sportivo, a celebrazione delle benemerenze ottenute dalla società durante tutti i suoi primi cinquant’anni di attività.

Nello stesso anno, anche il presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Carlo Tavecchio, ha consegnato a Gilioli una targa di riconoscimento per il cinquantesimo anniversario dalla fondazione della società giallorossa. Da lì, la crescita della società sportiva montecchiese è stata inarrestabile: prima la collaborazione con la Reggiana, poi la proficua affiliazione con l’Atalanta, fino ad arrivare, la scorsa estate, al primo, storico campionato di Eccellenza disputato dalla Prima squadra.
Tutto nel solco tracciato da “Fideg” nel 1963.

“Fideg è la storia del calcio montecchiese, l’icona dell’US Montecchio – dice l’attuale numero uno giallorosso, Massimiliano Palmia - senza di lui, la società non sarebbe arrivata al punto in cui si trova oggi. Con questi colori, Lino ha vestito i panni dell’allenatore, del dirigente e del presidente: insomma, ha vissuto e fatto vivere questa società per oltre 50 anni e lo ha fatto in una maniera unica”.

Gli stessi sentimenti li esprime anche Claudio Dosi, figura che collega direttamente Gilioli all’attuale presidente Palmia, essendo stato il secondo presidente della società giallorossa. “Per raccontare tutti gli aneddoti di Fideg avremmo bisogno di un libro. Era un uomo eccezionale che nel cuore e nella mente aveva solo il Montecchio. Spesso e volentieri rubava tempo al suo privato, alla sua famiglia, per dedicarlo alla nostra società sportiva. Per questo motivo – aggiunge Dosi – spero vivamente e credo che l’amministrazione comunale possa prendere in considerazione l’idea di intitolare il campo da gioco del “Notari” a Lino Gilioli. Quello era senza ombra di dubbio il suo campo”.
Dello stesso avviso è anche il vice-presidente dell’US Montecchio Calcio, Giordano Colli: “Fideg era il calcio di Montecchio Emilia: se c’è un movimento calcistico nella nostra città è grazie a lui. Siamo sicuri che mancherà a tutti, sia all’interno del mondo sportivo che alla comunità in generale”.
“Parlando più personalmente – prosegue Colli – io sono stato uno degli ultimi ragazzi ad aver esordito nella nostra Prima squadra sotto la sua conduzione tecnica e in particolare, del mio periodo con lui, ricordo con affetto la trasferta che facemmo in Ungheria, nel lontano 1988, poco prima che cadesse il Muro di Berlino: un’esperienza indimenticabile”.

In conclusione, il vice-presidente giallorosso tiene a specificare che: “oltre a ricordarlo quotidianamente con i nostri pensieri e a stringerci in un forte abbraccio con tutta la famiglia Gilioli, noi come US Montecchio Calcio vogliamo fare qualcosa di concreto per tenere vivo il suo ricordo e il suo impegno nei confronti non soltanto della società sportiva, ma dell’intera comunità”.

I funerali di Lino Gilioli, che lascia la moglie Cesarina, la figlia Gigliola, il nipote Andrea e il genero Savio, si terranno nella giornata di lunedì alle ore 15:30. La processione partirà dalla sua abitazione di via Grandi, 17, fino al santuario della Beata Vergine dell’Olmo.


FOTO E DIDA:
Lino Gilioli (al centro), premiato nel 2015 dall'allora presidente della FIGC Carlo Tavecchio, per i cinquant'anni dalla fondazione dell'US Montecchio Calcio.
Vai alla pagina ufficiale della Società






Oggi: 2 partite
Domani: nessuna partita
MANTOVAN MICHELE
    
CALCIO
Società
Campionati
Coppe
Torneo della Montagna
Comunicati FIGC
Calendario Partite
Archivio Storico
CALCIO E WEB
Comunicati società
Mercato
Tabella Promo-Retro
News
Forum
Figli di Un calcio Minore
Photogallery
MONDO CR
Facebook
Stadi
Oscar di calcioreggiano
Schedilettantina
Fantacalcio
Siti Amici
CALCIOREGGIANO
Utenti
Lavora con Noi
Risultati di CR sul tuo sito
Chi Siamo
Contatti
Mappa del Sito
Privacy Policy